Macarons e compleanni

 

Ebbene sì, oggi è il mio compleanno lo dico subito così non ci penso più, dopo i trenta non è così entusiasmante festeggiare… ma quest’anno mi sono fatta un bel regalo in anticipo: ho passato tutto il pomeriggio di ieri a preparare i macarons. Bello ritagliarsi un po’ di tempo per fare esperimenti in cucina e non posso negare di essere soddisfatta del risultato. Certo il collarino non è perfetto, il colore doveva essere più uniforme, la grana più fine ma non posso proprio lamentarmi… anzi! Di ricette per realizzare questi gusci ne ho provate tante negli ultimi tempi: meringa italiana, meringa francese, metà e metà, insomma mi sono veramente impegnata e alla fine, nonostante l’ultimo libro che ho comprato –qui– consigli solo meringa francese, ho optato per una preparazione più facile che ha dato comunque buoni risultati.
I macarons li associo a Parigi, una Parigi accaldata in pieno luglio con questi dolcetti coloratissimi che mi guardano dalle vetrine di Ladurée e Fachon… me ne sono innamorata nell’estate del 2007 e non li ho più persi di vista! Certo sono molto dolci e questo non li rende graditi a tutti e per questo ho deciso di proporli con una crema al limone che ha il sapore fresco dell’estate proprio come li ricordo io. Assolutamente da provare…

Macarons con crema al limone (per 20 macarons)
Per i gusci:
90 gr di albumi (circa 3, separati dai tuorli due giorni prima)
200 di zucchero a velo
125 gr di farina di mandorle
40 gr di zucchero semolato
2 gocce di colorante giallo
Per la crema:
150 ml di succo di limone
le zeste di un limone
1 uovo
75 gr di zucchero a velo
1 cucchiaio di fecola di patate
30 gr di burro

Tirare fuori gli albumi dal frigo un paio di ore prima. Montarli aggiungendo lo zucchero poco alla volta entro metà montaggio. Mescolare, possibilmente usando il mixer, lo zucchero a velo e la farina di mandorle e aggiungerlo poco alla volta agli albumi montati mescolando dall’esterno verso l’interno, a questo punto aggiungere il colorante. E’ importante non smontare troppo gli albumi in modo da ottenere un composto liscio ma non liquido. Inserire il composto in un sac à poche con beccuccio di un centimetro.
Distribuire l’impasto sulla carta da forno (per ottenere dei cerchietti regolari disegnarli prima su un foglio da mettere sotto la carta da forno per aiutarsi). A questo punto fare riposare per mezz’ora. Accendere il forno a 150° ventilato, infornare per 10/12 minuti dipende dalle dimensioni dei macarons. Una volta cotti per aiutare il distacco dei gusci dalla carta appoggiare i fogli su una superficie umida.
Nel frattempo per preparare la crema fate bollire il succo e le zeste di limone. In una ciotola montare l’uovo con lo zucchero a velo e la fecola fino ad ottenere una crema liscia. Versarci sopra il succo bollente, miscelare e rimettere tutto sul fuoco per fare addensare. Una volta addensato, spegnere il fuoco e aggiungere il burro a pezzetti. Fare raffreddare per poi farcire i gusci.
Con questo post partecipo alla prima raccolta della Tana del coniglio che si è presa l’impegno di raccogliere le ricette per creare un pdf, la raccolta si chiude il 25 aprile!

You May Also Like

caramella mou al cioccolato fatta in casa

Caramelle mou al cioccolato

Tartufi dolci e furbi

Torta chocolate fudge

Crostatine alla frutta (senza glutine)

9 thoughts on “Macarons e compleanni”

  1. Ne avrò lette a migliaia di queste ricette eppure, giuro, ogni volta che nel titolo appare la parola macarons io devo correre a vedere!!
    Sono sempre convinta che mi sia sfuggito quel segreto, quel dettaglio che certamente fa la differenza e che rende i macarons delle altre memorabili ed i miei….semplici macarons!
    Interessante la proposta della tua crema, in effetti un ricordo di frechezza in un dolcetto iperzuccheroso ci sta proprio bene!!

    Mille complimenti ed un abbraccio

    Fabi

  2. Cia Marina, questi macarons sembrano davvero perfetti (imperfezioni? Ma che dici? Ti assicuro che dalle foto non si vede assolutamente nulla che si discosti dai macarons professionali). Tanti auguri, allora! Un regalo a te, ma anche a noi; le tue ricette mi “prendono” sempre di più. Continuo a seguirti, un bacio

  3. Auguri Marina!! Buon compleanno!!
    ma poi… sono una favola questi macarons!!! Grazie infinite per aver partecipato alla raccolta!! Sei stata bravissima.. ti sono usciti una meraviglia!! Ancora mille auguri.. a prestissimo ;))

  4. @Fabiana:grazie sei molto carina, in effetti anche a me sembra sempre che mi sia sfuggito il segreto per i macarons! Buona caccia al segreto…

    @Fausta: le imperfezioni ci sono come ho detto sopra però non faccio la finta modesta piacevano molto anche a me (uso il passato perchè sono finiti…)

    @Eka: grazie a te non l'opportunità e per gli auguri, buon fine settimana!

    @Claudietta: se me lo dici tu mi “gaso” proprio;-)
    grazie mille… anche per i tuoi preziosi consigli!

  5. Ciao Marina, sai che io il ravaggiolo non l'ho mai assaggiato? Qui da noi non usa e non si trova. Che dici, è “scioglievole” come lo squacquo?
    Buona vacanza e a presto

  6. @Cinzia: grazie infinite…

    @More: ti seguirò con piacere anch'io, a presto

    @Fausta: sono tornata… con il bottino cremoso… è scioglievole e meno acido dello squacquerone, in effetti è un prodotto che si fa solo sugli appennini tosco romagnoli. Un abbraccio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.