Brioches salate alla curcuma

panini alla curcuma

Dopo due anni ho finalmente consegnato un lavoro che mi stava sul groppone. Sapevo di essere in ritardo ma, invece di tirare velocemente per arrivare alla fine rimandavo, spaventata. Invece di affrontare il problema lo rimettevo nel dimenticatoio cercando di rimuoverlo dalla memoria per non farmi prendere dall’ansia… Poi finalmente ho preso coraggio e in quattro e quattrotto l’ho finito e consegnato.

Pensavo di tornare a casa e di fare i salti di gioia, speravo di godere di un po’ di quello stato di beatitudine che ti prendeva dopo un esame all’università e invece no, niente di tutto questo. Che peccato, sono tornata velocemente alla routine di tutti i giorni – che in questo periodo sono ancor più frenetici del solito – realizzando che, forse, quella sensazione di leggerezza ormai non si potrà più sentire. Ho fatto il mio dovere, niente di più. Ok, per consolarmi credo che andrò a farmi un regalo, altra sana abitudine universitaria che però non ho perso ;)

Questa ricetta arriva da Sale & Pepe, ad aromatizzare i panini della rivista era dello zafferano io ho scelto di mantenere un bel colore dorato ma di deviare sulla curcuma. Noi li abbiamo mangiati durante un aperitivo ma vanno bene anche come pane di accompagnamento, magari di un pesce bianco o di piatti speziati. A voi la scelta!

Panini alla curcuma_1

Brioches salate alla curcuma

  • 250 g di farina 00
  • 2 uova + 1 tuorlo
  • 10 g di zucchero
  • 8 g di lievito fresco
  • 90 g di burro a temperatura ambiente
  • 50 g di latte
  • 3 g di sale
  • la punta di un cucchiaino di curcuma in polvere

Sciogliere il lievito nel latte tiepido e unire la curcuma. Nella ciotola dell’impastatrice versare la farina, aggiungere il latte e le uova impastando per una decina di minuti. Prelevare il burro e lavorarlo fino a renderlo morbido e aggiungerlo un po’ alla volta all’impasto in lavorazione. Continuare a lavorare l’impasto per altri 10 minuti, unendo il sale. Uno volta pronto, lasciarlo a riposo per 2 ore.

Riprendere l’impasto e sgonfiarlo delicatamente. Stendere la pasta in forma rettangolare ad uno spessore di 1 centimetro e tagliare delle strisce di 2 centimetri di larghezza, arrotolarle a spirale e disporre i panini in una teglia da forno. Spennellare la superficie delle brioches con il tuorlo leggermente sbattuto e lasciare riposare i panini per mezz’ora.

Cuocere in forno precedentemente riscaldato a 200°, infornare e abbassare la temperatura a 180° e continuare a cuocere per 15/18 minuti.

You May Also Like

Pane in pentola alla birra

Soda Bread ai semi di finocchio

Focaccia alle patate (chiamala barese se ti va!)

Pizza ad alta idratazione con squacquerone, olive taggiasche e bresaola

21 thoughts on “Brioches salate alla curcuma”

  1. Complimenti per il lavoro! In effetti è vero, quando si era più giovani si coglievano al meglio questi traguardi, ora la routine e ‘ilprossimolavoro’ non ci lasciano il tempo. Però ti sei (e ci hai, virtualmente) coccolata a dovere con queste bellissime briches salate e che profumano d’etnico, io adoro la curcuma! Brava!

    1. Hai detto bene. Oggi il lavoro ti porta a considerarli ostacoli da superare e non traguardi raggiunti, vabbè ci consoliamo con una chiocciolina ;) Provale e fammi sapere. Un abbraccio

  2. Ma sai che anche io faccio così quando ho una cosa grossa da fare? Aspetto aspetto aspetto e poi mi accorgo che se affrontandola fa meno paura di quando prima mi riempivo la testa di pensieri! :D

  3. A volte ho come l’impressione che siamo diventati una catena di montaggio… ci si leva un lavoro e ne arriva subito un altro, idem per gli impegni o per tutto ciò che ci “trattiene” magari tenendoci lontano da ciò che amiamo fare davvero… ma spiragli di tempo e piacere cerco sempre di trovarli, anche facendo incastri e salti mortali, e appena ho un pomeriggio tranquillo voglio dare vita a queste lumachine bellissime… adorando la curcuma, centro pieno! ;-)

    1. Per molti lavori è proprio così. Da un lato mi sento privilegiata poiché, seppur nella precarietà, faccio due lavori che mi piacciono e questo non è da tutti. Se però parliamo di passioni da coltivare beh, la mia testa va subito alla cucina e alla fotografia e anch’io come te cerco di tirar fuori dal cilindro un po’ di tempo da dedicargli :)
      un abbraccio dolce Fra!

  4. Che belle che sono queste chiocciole! Mi hai fatto venir voglia di provarle…magari con lo zafferano come nella ricetta del mitico Sale&Pepe

    Ciao
    Silvia

  5. Permettimi una battuta: 2 anni è un buon tempo :-) Di solito i lavori li vogliono per ‘ieri’… :-)
    Il regalo post esame e la sensazione di libertà quando si mettevano via i libri è una sensazione che mi ricordo ancora molto bene, credimi, è ancora possibile provarla.
    Questi panini sembrano deliziosi e io adoro la curcuma.
    Bacioni

    1. Eheheheh! Robi, mi sono ben guardata dal confessare per quando doveva essere consegnato questo lavoro… di sicuro non dopo due anni ;) Come dice Giulia mal di testa post esame e il senso della libertà nel mettere via i libri sono sensazioni che ricordo bene, spero proprio di poterle provare di nuovo. In questo momento è la frenesia a fare da padrone. Bacio!

  6. Cara Marina, ti capisco! Ogni tanto anche a me capita di trascinarmi dietro cose che sedimentano da tempo quando sarebbe meglio affrontarle subito. Sei riuscita ad infornare con questo caldone? Complimenti! Un bacio bella :)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.