Crostini con cime di rapa, acciughe e formaggio di fossa

Crostini cime di rapa e acciughe

Una decina di giorni fa sono stata all’immancabile appuntamento con l’apertura della fossa di Renato Brancaleoni.
È una festa emozionante veder aprire dal vivo lo scrigno dentro il quale sono rimasti a riposare i formaggi. La meraviglia sta proprio nel “sentire” come il formaggio che ne esce sia qualcosa di unico, ogni volta. Quest’anno la prima (e unica) sacca sollevata ha restituito un formaggio ancora tiepido, cosa strana per la normale produzione. Di solito infatti la temperatura all’interno della fossa sale durante la fermentazione, per poi tornare a temperature normali a ridosso dell’apertura. Probabilmente a causa del caldo estivo eccessivo, il calore si è prelungato anche nella fossa, sorprendendo il pubblico in attesa di assistere a questa nascita gastronomica.
Trascorsi circa tre mesi dall’infossatura dei formaggi, la fossa viene aperta e areata, poiché i vapori che ne fuoriescono sono intensi e pericolosi e, come ci ha detto Renato, dall’apertura si aspettano 4-5 giorni prima di scendere e procede al recupero dei sacchi nei quali sono conservati i formaggi e solo lì si scopre definitivamente come ha lavorato la fossa… ma come sempre, se dentro ci metti le cose buone, difficilmente usciranno delle ciofeche ;)

Fossa

1

Dopo tutto questo preambolo no, il formaggio che ho usato nella ricetta non è quello della fossa dell’Abbondanza appena “sfornato” ma è la piccola rimanenza dell’anno scorso che ho conservato gelosamente e a cui posso dar fondo con tranquillità visto l’imminente arrivo del nuovo.
Formaggio e pesce non è una novità, anzi, proprio Renato in una chiacchierata veloce suggeriva una ricetta che vede le vongole abbinate al fossa… ma questa è un’altra storia, anzi, un’altra ricetta che spero di mettere in pratica proprio con il nuovo formaggio di fossa.
In questo caso invece acciughe con il cappero e cime di rapa, l’abbinamento sapito e amaro è un classico con cui non si sbaglia mai, è il tocco romagnolo a “sparigliare” le carte e a dare una spinta in più. Assolutamente consigliato!

2
Tessuto stampato by Stamperia Bertozzi

Crostini con cime di rapa, acciughe e formaggio di fossa

Per 4 persone:
8 fette di pane di grano duro
1 mazzo di cime di rapa
1 spicchi d’aglio
2 peperoncini
olio extra vergine d’oliva q.b.
8 acciughe Double Delicius con cappero
Formaggio di fossa q.b.

Pulite e lavate le cime di rapa eliminando le parti più grosse e dure. Saltatele in padella con abbondante olio, lo spicchio di aglio schiacciato e i peperoncini tritati. continuate la cottura a fiamma bassa e coperto per alcuni minuti.
Abbrustolite le fette di pane in forno o su una teglia, conditele con un giro d’olio, distribuite sopra un po’ di cime di rapa, l’acciuga e una scaglia di formaggio di fossa e servite ancora tiepide.
Se non volete usare le scaglie potete grattare il formaggio direttamente sulle cime di rapa in padella e saltare tutto per qualche istante per poi usarle direttamente così.

ALTRE RICETTE DI CROSTINI
Bruschette con fagioli cannellini: belle e buone;
Pane e pomodoro: la più facile di tutte le ricette;
Crostini patate, uova e cipolla: buoni, buoni in modo assurdo!

You May Also Like

Hummus di ceci e asparagi

Crackers ai semi di sesamo e paté di lenticchie veg

Cracker di sesamo e paté di lenticchie

Blinis di cavolfiore con salmone

Insalata cotta e cruda con feta

3 thoughts on “Crostini con cime di rapa, acciughe e formaggio di fossa”

  1. Madooooooooo’.. mi vien voglia da matti di fregartene uno di sti crostini..che poi a me, me piace un botto lo scrocchiolamento…. hihihii…
    cos’è quel ricciolo acciugagnolo così composto.. io mi domando come si fanno a fare certe cose, che io rompo in frantumi pure i filetti di tonno per tirarli fuori dal barattolo di vetro… aaaaahhh
    allora attendiamo la vongola (in)fossata e nel frattempo di pigliamo sto aperitivo….ne’?
    quindi, quando siete arrivati voi pubblico, in realtà la fossa era già aperta da 4-5 giorni??? vedi quante cose insegni maestra ! ;)
    grazie mille..un bacione enorme…
    Manù

    1. Alt! L’acciuga arrotolata con il cappero era già così nel suo barattolino, non è opera mia, lo giuro ahahahahah!
      Noi siamo arrivati per l’apertura, il taglio dei sigilli e il sollevamento con un uncino di un unico sacco contenente i formaggi. Dop 4-5 gg sono scesi e hanno iniziato a tirare su tutti i sacchi. Dici che non si capisce nel post?!ù
      Un bacione enorme a te

      1. aaaaaaahhhhh
        no Mari. sono io che non avevo capito..
        son io la rinco!

        furbetta.. ce stava il trucchetto allora.. io oggi ci ho dato di cornetto al miele! lo volevo da tantissimo..che bello smanovrare…
        te voio bene!
        Manu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.