Involtini di lonza con pancetta e salvia

È arrivato ufficialmente.
Che sia il 21 o il 23 poco importa, finalmente il calendario ci informa che l’autunno è entrato dalla porta principale e spero con tutto il cuore vorrà farci compagnia per un bel po’ di tempo.
Quello che ci attende è il periodo del foliage, foglie dai colori caldi che virano dal giallo all’arancio passando per il rosso e che scricchiolano sotto i piedi al nostro passaggio. Sto meditando di ritagliarmi del tempo per fare un bel giro al parco vicino a casa e cominciare a raccogliere le prime foglie gialle che iniziano a cadere… a ben pensarci sono dei props a costo zero!

Ma come inaugurare questa nuova stagione che tanto mi piace e che è carica di promesse?
Tra le ricette fotografate nei giorni scorsi ho scelto di pubblicare questi involtini di lonza di maiale con pancetta e salvia proprio perché hanno quell’aspetto succulento e tutte quelle sfumature di giallo e oro che ben si accordano con l’idea dell’autunno.
Gli involtini sono un secondo piatto facilissimo e, se si parte da ingredienti di buona qualità (ricordo sempre che avere un macellaio di fiducia aiuta tantissimo in questi casi), anche molto gustoso. A differenza di altri secondi di carne, come lo spezzatino di guancia oppure l’ossobuco, in questo caso non è necessario avere molto tempo a disposizione anzi, avendo tutti gli ingredienti a portata di mano, in mezz’ora o poco più sarà tutto pronto e servito in tavola. Non male, no?!

Cosa mi aspetto da questa ultima settimana di settembre?
Quella che ho di fronte sarà una settimana più breve del solito per quanto mi riguarda. Mi attende una gita in compagnia di due amici speciali con cui condivido la passione (anche se in parte è anche lavoro) per l’archeologia e la storia dell’arte. Gireremo fra Tivoli, la campagna romana e, perché no, una capatina anche a Roma non ce la leverà nessuno. Sono elettrizzata come sempre quando si tratta di partire, ancora di più se questa mini vacanza si rivelerà ricca di piccole e grandi scoperte come sempre succede quando ci mettiamo in marcia noi tre.

Chiudo questo mese che è stato ricco di alti e bassi con uno spirito curioso e intraprendente, la voglia di fare non mi manca e neanche l’energia… speriamo duri ;)

Involtini di lonza con pancetta e salvia

(per 2 persone)
8 fettine di lonza
8 fette sottili di pancetta arrotolata
12 foglie di salvia
1 cipolla piccola
20 g di burro
1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva
1/2 bicchiere di brodo di carne (facoltativo)
sale
pepe

Battete ogni fetta di lonza con un batticarne liscio. Sistemate su ognuna una fetta di pancetta, una foglia di salvia e macinata un po’ di pepe. Ripiegate i lati lunghi verso l’interno e arrotolate per formare gli involtini.
Pulite la cipolla e tagliatela in 4 spicchi.
Preparate gli spiedini infilando in ciascuno 2 involtini alternandoli con una foglia di salvia e chiudendo con lo spicchio di cipolla.
Fate scaldare in una padella il burro e l’olio, trasferiteci gli spiedini e rosolateli per 2-3 minuti per lato a fuoco alto. Salate, abbassate la fiamma, aggiungete un po’ di brodo o di acqua calda, coprite e fate cuocere per altri 15 minuti. Servite subito.

You May Also Like

Salsiccia e olive fresche, ricette d’autunno

Filetto di maiale in crosta di mandorle

Polpettone con mandorle e limone

Crêpes al grano saraceno con verdure e pollo

1 thought on “Involtini di lonza con pancetta e salvia”

  1. Brava Mari…
    Buon giorno e buon lunedì…
    Qui tira un vento pazzesco…senti ma, tu da piccola le raccoglievi le foglie secche per fare i lavoretti a scuola? quando arrivava l’autunno da noi alle elementari, fisso… i lavoretti con le foglie e, ovviamente quelle di vite, belle larghe, andavano per la maggiore..se le trovavi avevi sbancato… Funzionava così..in primavera gli esperimenti con i germogli dei legumi (te li facevano mettere a bagno nel cotone e dovevi aspettare che germogliassero) oppure i bulbi, e d’autunno le foglie..

    Che figata che parti per sta cosaaaaaaaaaaaaa… aaaaaahhhh .. vabbè a parte che io adoro tutto ciò che è archeologico..te lo avevo detto che da piccola (oddio forse non tanto piccola in realtà, credo facessi le medie) mi son fatta regalare da mio papà per Natale una cosa sull’Egitto bellissima, dove dovevi ricostruire dei vasi, ci stavano un sacco di libri da leggere e anche delle cassette (a quei tempi niente dvd, ma video registratore e cassette nere con l’etichetta bianca davanti )…mi piaceva un vallo…
    Bene… con questo… ehm.. se hai del posto in valigia io mi ci ficco volentierissimo eh?..hihi
    ovviamente gli involtini,ne vogliamo parlare?… quel sughetto, ne vogliamo parlare? non ne parliamo che tanto ho già l’acquolina in bocca.. Hai già capito….
    Un abbraccio fortissimo..
    A presto prestissimo
    fa buon viaggio con tante foto… nutriti di quella bellezza che solo le cose antiche sanno donare.. ti aspetto qui involtinata.
    Manù

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.