Soda Bread ai semi di finocchio

Perdonerete questo attimo di protagonismo, vero?
I pani fra le mani sono così fotogenici che volevo immortalarli anche io, un’immagine poetica nonostante la messa a fuoco non sia delle migliori. Adesso che l’ho fatta però sono a posto per altri tre mesi… gli autoscatti non fanno per me, mi ci arrovello troppo e ci perdo un sacco di tempo. Ma questo Soda Bread è stato velocissimo da preparare e meritava un po’ di sperimentazione fotografica.

Due parole sul Soda Bread. È un pane senza lievito di birra che usa come agente lievitante il bicarbonato di sodio e sfrutta la sua reazione con il buttermilk. Al suo interno contiene infatti il latticello, sottoprodotto fermentato della lavorazione della panna, che fino a qualche anno fa era difficile trovare nei negozi di alimentari ma da un po’ di tempo a questa parte i supermercati l’hanno inserito nei loro scaffali rendendoci la vita più facile.
Questo tipo di pane ha origini irlandesi, una consistenza diversa dal pane classico ma, come il pane comune, ha la capacità di essere super versatile. Noi l’abbiamo spazzolato con salumi e formaggi ma, occhio e croce, va benissimo anche con la marmellata o il miele basta eliminare i semi di finocchio se non piacciono.

La ricetta è presa pari pari da Sonia, Oggi pane e salame, domani, che qualche giorno fa ha avuto la brillante idea di riproporre sui suoi canali social le foto di questo pane fatto diversi anni fa. Aveva un aspetto così bello, gonfio e dava l’idea di essere così saporito che appena l’ho visto mi sono chiesta cosa stessi aspettando, io che mi lamentavo con Rossella/Vaniglia di come i lievitati mi stessero stressando più del solito…

Se conservato in un sacchetto di carta può mantenere la sua consistenza per 24-36 ore, dopo comincia a diventare un po’ duretto e ancora più “facile” alle briciole. Anche qui: ospiti all’ultimo minuto, tentativo di portare qualcosa in tavola che sia stato fatto con le vostre manine? Ricordatevi del Soda Bread, sarà vostro alleato. Salva la faccia e l’orgoglio con poco ;)

Soda Bread con semi di finocchio

370 g di farina 0
130 g di farina integrale
300 ml di latticello (*)
40 g di burro sciolto
1 cucchiaio di miele
1 cucchiaino di bicarbonato
1 cucchiaino di sale
1 cucchiaino di semi di finocchio

Preriscaldate il forno a 200 °C.
Mescolate in una terrina le farine e tutti gli altri ingredienti fino ad ottenere un composto sodo.
Lavorate l’impasto per qualche minuto su di una superficie infarinata fino ad ottenere una palla.
Coprite con della carta forno una teglia da forno, disponi il panetto ottenuto e con un coltello incidete una croce non troppo profonda.
Spolverate di farina la superficie della pagnotta e fate cuocere in forno caldo per 30-35 minuti o finché in superficie non si sarà dorata abbastanza (se si batte con un mestolo di legno il fondo del pane e fa un suono pieno è cotto).
Lasciate raffreddare completamente su di una gratella prima di affettarlo.

(*) Se non si ha a disposizione il latticello si può sostituire mescolando 125 ml di latte, 125 ml di yogurt bianco e 1 cucchiaino di succo di limone e lasciando a riposo il composto per qualche minuto.

You May Also Like

Focaccia alle patate (chiamala barese se ti va!)

Pizza ad alta idratazione con squacquerone, olive taggiasche e bresaola

Focaccia in padella con radicchio tardivo e squacquerone

Pane ritorto ai capperi

4 thoughts on “Soda Bread ai semi di finocchio”

  1. Mari…
    A parte che potresti benissimo metterci pure la faccetta che sei meravigliosa…
    poi mado’ che bello sto pane… gonfio, aperto.. e la foto-fetta???? aaaaaahhhh …
    comunque sai che io è da un sacco che voglio farlo??? ci sono domeniche che dico a madre “ma, che dici faccio il pane quello con le noci, oppure faccio il soda-bread, quello con il latticello, am dove posso metterci lo yogurt diluito pari peso?” e lei, “Manu, fai tu..fai quello che vuoi…”, poi vabbè vincon sempre le noci ma perchè sto di periodo strong e quindi…
    che poi è vero che si fa prestissimo, infatti molte volte quando sorella scrive alle 16 della Domenica per venire a scroccare la cena e magari non ci sta tantissimo pane, io parto in quarta con questo…
    in versione semini mi intrippa .. pure.. mi sa anche un po’ siculo così …
    Sai che ti pensavo ieri? e volevo scriverti.. <3
    Mi raccomando
    Manù.
    ah… ovvio che io impasto…

    1. Sììì, è proprio perfetto per le improvvisate delle sorelle che vengono a scroccare la cena della domenica ;)
      Fallo assolutamente e fammi sapere… secondo me vi piace tanto anche a voi.
      Un baciotto stella :*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.