Piccole torte salate con cavolo riccio e caprino

Il tempo si è dilatato ma mai come in queste ultime ore corro. Non fisicamente parlando ma con la mente, un affanno nel cervello che sembra di stare in 100 e invece… ;)
Quando le cose si mettono così si cucina, per chi come me ne trova sollievo, questa è la migliore delle terapie. Ci si avventura negli impasti lunghi e laboriosi oppure nelle ricette nuove e mai provate. Entrambe le soluzioni mi permettono di concentrarmi e contemporaneamente rilassarmi.

Il cavolo riccio, che da quest’anno è entrato a far parte dell’orto di mio babbo, non lo avevo ancora reso protagonista di una ricetta tra queste pagine. E pensare che ne abbiamo mangiato negli ultimi due mesi soprattutto in forma di chips, come mi ha insegnato la mia amica Carlotta. La ricetta di queste torte salate con cavolo riccio e caprino è stata ispirata da una ricetta del libro di Donna Hay, Life in balance, non solo nella preparazione ma anche nello scatto. Una scusa per studiare anche un po’ di fotografie di fotografi bravi e tentare di riprodurne l’impostazione. A pensarci bene ricordano gli esercizi di disegno che si facevano alle scuole medie quando ti facevano riprodurre quadri famosi… ma va beh, ecco la mia ricetta tutta nuova e super buona e vegetariana.

Unico neo, una pasta un po’ troppo friabile per i mie gusti. Per il resto non cambiarei una virgola. Provate e fate sapere come sempre!

torta salata cavolo riccio

Torte salate con cavolo riccio e caprino

Per la pasta:
80 g di farina di farro integrale
150 g di farina tipo 1
150 g di burro
2 tuorli
acqua ghiacciata q.b.
sale q.b.

Per il ripieno:
7 foglie di cavolo riccio
1 spicchio d’aglio
150 g di formaggio caprino fresco
pepe nero
sale
olio extra vergine d’oliva

Preparate la pasta unendo le farine setacciate, il sale e il burro a pezzetti nella ciotola nel mixer, azionate e create una miscela in briciole. Aggiungete i tuorli e un paio di cucchiai di acqua e azionate nuovamente. Si formerà un impasto più consistente, rovesciatelo su un piano di lavoro e creata 2 palle, appiattitele e avvolgetele nella pellicola, lasciate riposare in frigorifero per 1 ora.

Lavate e pulite le foglie di cavolo eliminando la costa centrale. Tagliate a striscie le foglie e fatele saltare in una padella in cui avrete scaldate dell’olio con uno spicchio d’aglio intero. Fatele cuocere per 5 minuti, salate alla fine. Tenete da parte.

Lavorate il formaggio caprino con un pizzico di sale, pepe e olio evo.

Stendete gli impasti formando due basi da 20 cm di diametro. Sistematele in una teglia rivestita di carta forno. Spalmate le basi con un po’ di caprino, sistemate le foglie di cavolo e distribuite dei fiocchi di formaggio su ciascuna torta. Infornate a 180 °C per 35-40 minuti. Fate raffreddare prima di tagliare.

 

Still life cavolo riccio

You May Also Like

Avocado toast con pan brioche

Pan brioche e abbinamenti salati

Bocconcini Parmigiano

Bocconcini al Parmigiano Reggiano

Hummus di ceci e asparagi

Crackers ai semi di sesamo e paté di lenticchie veg

Cracker di sesamo e paté di lenticchie

1 thought on “Piccole torte salate con cavolo riccio e caprino”

  1. Ma buongiornooooo!!!
    che bella questa foto iniziale!!! che bella luce! che gioia!!! E’ meravigliosamente rilassante!
    Eh si, il tempo si è moooooolto dilatato e lo dimostrano le mie fette biscottate, il mio pane fatto Domenica, la mia brioche che voglio assolutamente provare fare (in qualche modo-maniera trovando una ricetta facile per cominciare), i miei biscotti e tutto quello che posso manovrare con le mani, perché anche per me lavorare con le mani, impastare, muovere è la cosa che mi fa stare meglio di più in questo momento… oltre alla pratica yoga che ho un po’ pure aumentato, nel senso che faccio magari una lezione in più (sempre da casa ovviamente..). E sai cosa Mari, voglio piantare, voglio mettere nella terra qualche semino e farlo crescere.. Io non sono una pollice verde eh, c’è madre per questo, ma vorrei cominciare con qualche erbetta e vedere l’effetto che fa…. Sicuramente prima di vedere un cavolo riccio sulla mia tavola che sia auto prodotto ce ne vorrà, pppperò!
    Detto questo, sta ricetta è davvero sfiziosa, io ho incontrato il “riccio” qualche tempo fa al mercato Coldiretti di Pesaro, nel senso che lo conoscevo, ma non lo avevo mai trovato nelle mie zone, e oltre a verde c’è anche viola ed insieme sono bellissimi…
    Il comune di Rimini è abbastanza grande rispetto al mio buchetto quassù e quindi questa me la segno e appena ho la possibilità di tornare ai miei mercati, la rifaccio… promesso… ;)
    un bacio grande ed un abbraccio fortissimo..
    Oggi c’è un bel sole.. mi sa che esco per un passeggio, che tanto dietro casa mia è praticamente campagna isolata.. risalgo una costa per arrivare in cima alla collina, proprio dove c’è la ”Cotta”, magari me faccio una birretta e poi rotolo per scendere fino casa ahahaha…
    a Presto Mari..
    <3 Manù

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.