Crostata di nocciole

Crostata di nocciole

Crostata di nocciole

Dopo la pasta con le nocciole vi propongo una ricetta più ordinaria, un dolce che non per questo risulta meno buono.
Una crostata di nocciole che ha come ripieno una crema frangipane allegerita, perché priva di burro, non che questa cosa mi renda particolarmente orgogliosa, sia chiaro. La ricetta l’ho recuperata da un ritaglio di Sale & Pepe che già dalla foto prometteva un dolce semplice, di quelli da credenza che tanto mi piacciono.

Di tutta la frutta secca di sicuro amo le nocciole più di ogni altra, più ancora delle mandorle. A dimostrazione di questo tra le pagine del blog ci sono così tanti dolci che ne verrebbe fuori un elenco lunghissimo.
Le mie ricette preferite? La torta variegata nocciole e cacao, con cui ho salutato il vecchio forno e che continua a darmi soddisfazioni come anche il cake con avena, nocciole e cioccolato forse una delle ricette più replicate. E poi la combo perfetta per me: torta nocciole e caffè o quella perfetta per la stagione (e anche per i celiaci) torta con farina di castagne e nocciole. Potrei continuare…

Crostata con nocciole

Vi lascio la ricetta, sicura che questa crostata piacerà anche a voi! Buona cucina

Torta di nocciole

Per la base:
300 g di farina 00
120 g di burro
80 g di zucchero
3 g di lievito per dolci
1 uovo + 1 tuorlo
sale

Per il ripieno:
200 g di nocciole tostate
100 g di zucchero
3 uova
60 g di idromiele (o calvados o brandy)
la scorza di un limone

In un mixer riunite la farina, il burro freddo tagliato a cubetti, lo zucchero e il lievito. Frullate fino a ottenere un composto in briciole, a questo punto aggiungete l’uovo, il tuorlo e un pizzico di sale. Azionate di nuovo il mixer per ottenere un impasto omogeneo che si stacca dalle pareti del contenitore, se così non fosse aggiungete 1 o 2 cucchiai di acqua fredda. Formate un panetto con l’impasto, avvolgetelo nella pellicola e fate riposare in frigorifero per 2 ore.

Trascorso il tempo di riposo tirate la sfoglia ad uno spessore di circa 5 mm. Trasferitela in una tortiera da crostata da 22 cm e rimettetela in frigo.
Tritate le nocciole nel mixer non troppo finemente insieme a metà zucchero. Sgusciate le uove e separate gli albumi, che monterete a neve ferma. In un’altra ciotola lavorate i tuorli con lo zucchero fino ad ottenere un composto spumoso Aggiungete le nocciole (tenete da parte 1 cucchiaio per la decorazione), la scorza del limone e l’idromiele. Lavorate bene la crema e poi unite gli albumi poco alla volta.

Versate il ripieno nella frolla, spolverizzate la superficie con le nocciole tenute da parte e cuocete la crostata a 180 °C per 40 minuti circa. Sfornate e lasciate raffreddare prima di estrarre la crostata dallo stampo.

You May Also Like

Torta con squacquerone e fichi caramellati

Quattro quarti variegato al caffè

Torta castagne e cacao

Torta con farina di castagne e cacao della nonna Maria

Vera Torta o Torta degli sposi

6 thoughts on “Crostata di nocciole”

  1. Che meravigliosa eleganza Mari! e che delicatezza… Quanto amo questi post! (e pure questa torta) tantissimo!!! Non c’è il burro nel ripieno, ma trovo un ingrediente che ehm me gusta assai!! ahahahaaa..
    Vabbè! sai già che io e le crostate siamo come dire unite da un filo NON invisibile, quindi tu proponi ed io replico! Anche a me piace tanto quella rivista, sai? chissà, se non è molto vecchio il numero è probabile lo abbia anche io…
    Ti abbraccio forte!
    Manù.

    1. Il numero è abbastanza recente secondo me un 2020 o 2021… ti confesso però che nell’ultimo anno Sale & Pepe mi sembra abbiamo perso un po’ di smalto. Foto meno belle e ricette che mi sembrano riciclate. Spero di sbagliarmi, nel dubbio da qualche mese ho smesso di comprarlo. Ma sono pronta a tornare sui miei passi se tornasse alla qualità di una volta!
      Ti abbraccio anche io Manù!

  2. Che meraviglia come sempremi daresti un consiglio per il mixer? Quale usi? Quelli che ho provato non tritavano bene la frutta secca e si bloccavano

    1. Ciao Aiko! Grazie prima di tutto
      Io ho un mixer piuttosto semplice è Braun Multiquick 7. Uso il tritatutto con doppia lama, la frutta secca si trita piuttosto bene ma non diventa farina sia chiaro.
      Spero di esserti stata utile!

  3. Che meraviglia come sempremi daresti un consiglio per il mixer? Quale usi? Quelli che ho provato non tritavano bene la frutta secca e si bloccavano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *