Galette finocchi patate cipolla e fontina

Galette finocchi, patate e cipolla (con fontina)

Galette finocchi patate cipolla e fontina

Questo mese mi ero data un compito: non pubblicare ricette che contenessero zucchero. È stato il mio obiettivo di inizio anno e chiudo gennaio con una galette di finocchi, patate, cipolla e fontina alzando le braccia al cielo e gridando vittoria. Anche nella vita offline infatti non ho preparato alcun dolce da dopo la Befana a oggi e devo ammettere che è una cosa piuttosto rara che io riesca a passare interi fine settimana senza l’odore di frolla in giro per casa.

Eppure eccomi qui, con un’idea presa da questo sito americano e di cui ho subìto il fascino sin da subito (!) per via della semplicità della ricetta e per la presenza del finocchio che quest’anno è l’ortaggio più presente nell’orto di famiglia e di conseguenza sulla mia tavola. Mangiato in pinzimonio, oppure in insalata con arance e olive nere sottolio, passando per le versioni gratinate (pane o besciamella, fate voi) fino a finire in una torta salata.

La galette in questione è stata condivisa a una cena a casa di amici e promossa. La fontina dal gusto dolce e delicato non ha potuto sostituire il più sapido Gruyère che sicuramente avrebbe dato un po’ di sprint in più. Per cui nella ricetta che riporto qui sotto troverete la dose per la fontina ma se riuscite a trovare del buon gruyère svizzero sappiate che raggiungerete l’estasi. Si tratta di una torta salata piuttosto ricca se consideriamo il formaggio e il burro nell’impasto ma avevo detto “niente zucchero” e non “stiamo a dieta”.
Sia messo agli atti ;)

Galette ai finocchi, patate e cipolla (con fontina)

190 g di farina 00
1/2 cucchiaino di sale
125 g di burro freddo
1 cucchiaio di aceto bianco
2-3 cucchiai di acqua fredda

1 finocchio piccolo
1 patata
1 cipolla rossa piccola
2 cucchiai d’olio extra vergine d’oliva
sale
pepe
100 g di fontina (o formaggio gruyere)

Preparate l’impasto nel robot da cucina. Unite la farina e il sale. Aggiungete il burro tagliato a cubetti e azionate a intermittenza il robot fino a quando il composto si riduce a briciole grossolane. Aggiungete l’aceto e 2 cucchiai di acqua ghiacciata, pulsando fino a quando l’impasto non inizia a astare insieme, se necessario aggiungete ancora un cucchiaio di acqua fredda.

Trasferite l’impasto su un tagliere e lavoratelo fino a formare una palla omogenea, schiacciatela e avvolgetela nella pellicola. Fate riposare in frigorifero per almeno 1 ora (meglio 2).

Preparate la farcia della galette lavando la patata e il finocchio. Pelate la patata e poi utilizzando una mandolina affettatele sottilmente, fate lo stesso con il finocchio e la cipolla.  In una ciotola capiente mescolate il finocchio, la patata e la cipolla e condite con olio d’oliva, sale e pepe. Grattugiate la fontina.

Tirate la base ad uno spessore di mezzo centimentro. Distribuite la fontina sulla base lasciando 3 centimetri di bordo libero. Sistemate le verdure condite, aggiustate ancora di sale e pepe. Ripiegate i bordi sopra il ripieno (per aiutarvi realizzate dei piccoli tagli qua e là così sarà più facile).

Fate cuocere a 190 °C forno ventilato fino a quando le verdure risulteranno tenere circa 35 a 40 minuti (coprire con un foglio di carta da forno se le verdure rischiano di bruciarsi).

You May Also Like

Frittelle di zucchine con salsa di stracciatella

Frittelle di zucchine

Galette pomodori e melanzane

Galette pomodori e melanzane

Strudel con cavolo cappuccio viola e speck

Tartellette al grano saraceno e stridoli

Crostatine al grano saraceno con gli stridoli

1 thought on “Galette finocchi, patate e cipolla (con fontina)”

  1. Mariiiii!!! quanto mi piacciono le galette!!! non resisto all’impasto e va sempre a finire che (come nelle frolle delle crostate) io rifinisca tutti i bordi ahaha (ovvero una volta cotta mi mangio tutti i vari pezzetti un po’ sopraelevati, un po’ come faccio con i ”cornicioni” dei plumcake!)…
    Questa la rifarò sicuro sicuro, perché credo di dover rifare un “pranzo portato da casa” per mia mamma verso i primi di Febbraio che organizza un corso e quindi, prima la provo a casa, poi se vedo che mi viene bene (non per la ricetta, ma per la mia poca dimestichezza) la rifaccio anche per quel giorno…
    I finocchi in insalata con le arance/pompelmi ed olive li mangio una sera sì e l’altra pure, mi piacciono davvero tantissimo fatti così e mi sto impegnando/imparando ad affettarli sottili sottili, così li mangia bene anche mamma!
    Grazie amica, mi dai sempre spunti super interessanti!
    Buona giornata.
    Manù.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.