Confettura di albicocche e vaniglia

 

L’avevo detto. Quest’anno non riesco a stare dietro alla quantità di frutta che arriva a casa. Sono fortunata, è vero, ma non avete idea di quanto sia difficile vedere anche solo un frutto marcire. E allora comincia la corsa contro il tempo: oltre a mangiarla al naturale (al mattino nello yogurt o dopo pranzo come dessert) oltre a sfornare dolci come questi QUI QUI e QUI ecco che si fanno le confetture.

Albicocche e vaniglia, penso già di usarla quest’inverno per ritrovare un raggio di sole nel suo colore dorato e penso ad un sacher che ancora manca in questo blog e anche nella mia cucina… Questo concentrato di colore l’ho ottenuto seguendo il metodo della regina delle confetture, Christine Ferber.

Confettura di albicocche e vaniglia

  • 1 kg di albicocche mature ma sode al netto degli scarti
  • 700 g di zucchero
  • 200 g di acqua
  • 1 limone
  • 2 stecche di vaniglia

Mescolare in una ciotola le albicocche denocciolate con lo zucchero, l’acqua, il succo del limone e le stecche di vaniglia aperte per la lunghezza. Chiudere la ciotola con un coperchio e lasciare macerare per un’ora. Trascorso il tempo trasferire il composto in una pentola con fondo spesso e portare a ebollizione, far bollire per un paio di minuti e rimettere il composto nella ciotola, lasciare riposare per una notte in luogo fresco (io in terrazza).

Il giorno dopo filtrare la confettura con un passino e tenere da parte le bucce delle albicocche dopo averle schiacciate per bene per fare uscire tutto il succo. Rimettere sul fuoco la parte liquida e continuare la cottura fino a quando non raggiunge i 105° dopodiché aggiungere le bucce tenute da parte (io non tutte, circa la metà). Aspettare il bollore e, dopo che sono trascorsi 5/6 minuti verificare la densità della confettura facendo cadere una goccia su un piatto e inclinando lo stesso, se non cola è pronta. Eliminare le bacche di vaniglia e invasare secondo il proprio metodo e conservare al buio.

Un’ultima cosa: ho da poco un profilo su Twitter: @tartemaison se volete seguire questo blog e me anche lì vi aspetto con piacere ;)

You May Also Like

Confettura di olive di Virginia

Gelatine di mele cotogne

Confettura di pere e vaniglia… e ritorno in cucina!

Confettura di cipolle rosse

27 thoughts on “Confettura di albicocche e vaniglia”

  1. Immagino perfettamente la bontà di questa confettura cara Marina!! La scorsa settimana ho fatto la composta di prugne e vaniglia e quei semini l' hanno resa davvero eccezionale!! Un bacione cara e buon lavoro con il tuo raccolto!!

  2. Buona, buonissima!! Poi la vaniglia nelle confetture è divina: io l'ho provata con le fragole e mi è piaciuta moltissimo! :)
    Un abbraccio e buona giornata!

  3. Ciao Mari, come al solito ho una domanda da porti: non ho mai fatto la marmellata (zero tempo e zero voglia e preferisco mangiare quelle senza zucchero, o meglio, con lo zucchero delle frutta) però mi piacerebbe provare a preparare la tua e magari usarla per le crostate. Cosa significa “invasare secondo il proprio metodo”? Non avendo un metodo, mi puoi aiutare a capire meglio? Grazie mille. bacioni

    1. Eccomi Roberta! “invasare…” significa sterilizzare i vasi e la confettura secondo la propria esperienza. Ti lascio questo link piuttosto chiaro http://www.alimentipedia.it/Comesifa/Sterilizzare_vasetti.html oppure leggi in fondo a questo post come faccio io a sterilizzarli: http://latartemaison.blogspot.it/2011/02/marmellata-di-arance.html… Resta il fatto che con le confetture più zucchero c'è più è duratura e sicura la conservazione (forse un po' a discapito della frutta) Un bacione grosso

  4. Cavolo quanta frutta che hai quest'anno, beh stai facendo delle cose bellissime e uqesta marmellata che sa d'estate con questo colore favolosa mi piace tantissimo…colazione da te domani? Buona giornata

  5. sai che quest'anno per la prima volta ho già la pelle dorata??? grazie a tutte le albicocche che mi son mangiata!! anche io ho pensato a fare una sacher quest'inverno manca anche nel mio blog!!! anche io ne ho fatta una versione con la vaniglia oltre che con la lavanda!!! e non sai quanto mi è dispiaciuto vedere tante albicocche a terra irrecuperabili..un abbraccione Claudia

  6. Io sono talmente carica di marmellate e confetture dell'anno scorso che quest'anno non oso farne altre.. e dire che ne ho regalate a chiunque! Help!!

    Ma questa tua confettura la salvo e la tengo per quando ne farò di nuovo!

  7. Che bel colore che ha la tua marmellata.
    Si vede e si sentirà dal sapore che frutta matura che è.
    Complimenti per le ricette sono bellissime.
    Piacere
    Inco

  8. Hai tutta la mia invidia Marina. Io adoro le albicocche e la frutta estiva in genere e disporne in grandi quantità e' una gran vantaggio anche perché in tal caso e' certa anche la provenienza. Da acquolina questa confettura e si che la sacher manca all' appello anche da me?! Ho anche una ricetta di una lettrice che deve essere collaudatissima. Magari quest'inverno sognando l' Austria… Un bacio

    1. Magari quest'inverno ci mettiamo d'accordo e le sforniamo in contemporanea, io ti invio un vasetto di confettura di albicocche e vaniglia, ok?!
      Ti abbraccio forte

  9. Che magnifico colore la tua confettura. Di albicocche è tra le mie preferite e profumata alla vaniglia è paradisiaca. Qui a pochi passi da casa mia c'è una villetta con un albicocco nel giardino e non sai che sofferenza passarci tutti i giorni davanti e vedere in terra una “strage” di frutti!!! Ma che l'avranno piantato a fare de poi non lo degnano di un'occhiata e tutto quel ben di Dio va buttato così? Un bacione, buona serata

  10. Bellissimo, mi ricorda quando stavo ancora a casa dai miei e le albicocche maturavano tutte d'un botto. Anche ora effettivamente maturano tutte d'un botto e vengono mangiate, regalate, trasformate in confettura e addirittura congelate (per poi essere utilizzate cotte in futuro, ma io non ci sono :-(
    Devo suggerire la tua ricetta a mio padre. La cuoca di casa è mia mamma, ma lui adora preparare marmellate e confetture con un gigantesco pentolone da stregone che si è comprato all'uopo e che terrorizza mia mamma. Infatti quando lui lo tira fuori, lei tira fuori lo strofinaccio :-)

  11. Interessantissimo il metodo per fare questa marmellata…Mi sa che lo provo! Lì dove adesso i miei hanno fatto un B&B fino a pochi anni fa c'era un albicocco che faceva le albicocche più buone che io abbia mai mangiato in vita mia…Io le prendevo, raccogliendo soprattutto quelle ultramature che cadevano a terra e me le sguizzavo in bocca che sembravano un succo di frutta…Quell'albero abbiamo dovito abbatterlo perchè gli alberi da frutto specie se non particolarmente curati hanno una vita e dopo tot anni non producono più, però mi è rimasto nel cuore! Sai quanti barattoli di questa splendida ,marmellata avrei potutto farci!?
    Ciao Mari, un bacio…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.