Stecco viennese e passaggio di premi…

 

Questo “finto gelato” era da un po’ che volevo farlo, mi piaceva l’idea che somigliasse al mio gelato preferito e, siccome il freddo non accenna a diminuire ma la voglia di giornate calde e assolate comincia a farsi sentire, ecco come illudere almeno i miei occhi! La pancia quella no, non ci ha creduto però ha gradito ugualmente…
Si tratta di una rivisitazione della torta Sacher, pan di spagna al cacao, confettura di albicocche e copertura di cioccolato con l’aggiunta della granella di mandorle che rende tutto più  croccante.  Si mangia a morsi come il gelato e come dal gelato alcuni pezzetti di copertura cadono e bisogna essere veloci a prenderli!

Stecco viennese ( per 4 gelati)

Per il pan di spagna:
100 gr di farina
125 gr di zucchero
2 tuorli + 1 uovo
30 gr di cacao
Sbattere le uova con lo zucchero finché il composto non diventa spumoso. Setacciare la farina con il cacao e  aggiungere la miscela al composto, amalgamare bene dal basso verso l’alto. Versare nello stampo e infornare a 180° per 20 minuti.
Per la Sacher:
400 gr di pan di spagna
50 gr di confettura di albicocche
250 gr di cioccolato fondente
50 gr di burro
40 gr di granella di mandorle
Qualche ora prima: tagliare il pan di spagna dell’altezza di un centimetro e tagliare ogni fetta a forma di gelato( preparare prima una formina di cartoncino di circa 5 x 8 cm). Scaldare la confettura a circa 60°, farcire le fette sovrapponendole e dopo inserire lo stecco di legno. Mettere i gelati in freezer e farli congelare.

Dopo un paio d’ore: togliere i gelati dal freezer e sciogliere il cioccolato a bagnomaria. Aggiungere il burro a pezzetti al cioccolato fuso tolto dal fuoco. Colare il cioccolato  sulle due facce del gelato per poi passarle nella granella. Posizionare i gelati su una stagnola e metterli in frigo per 10 minuti affinché la prima copertura con la granella si indurisca. Tenere al caldo la glassa (meglio lasciare la ciotola col cioccolato dentro l’acqua del bagnomaria spenta). Una volta indurito il primo strato glassare nuovamente i gelati colando sopra il cioccolato rimasto e rimettere in frigo per qualche minuto.

 Un consiglio: per non sprecare la glassa posizionate i gelati su una gratella con sotto un piatto, una volta glassati i gelati rimettere subito la glassa colata sotto insieme a quella rimasta. Forse il procedimento è un po’ lungo ma il risultato è così divertente e buono :-))

You May Also Like

caramella mou al cioccolato fatta in casa

Caramelle mou al cioccolato

Tartufi dolci e furbi

Torta chocolate fudge

Crostatine alla frutta (senza glutine)

14 thoughts on “Stecco viennese e passaggio di premi…”

  1. Ciao,interessante questo finto gelato :P ti ringrazio anche per il premio..mi era stato donato gia' da More di morena in cucina.Grazie ugualmente A presto Chiara

  2. @Chiara: Meglio due di uno?! :-)) si vede che siamo in diversi a pensare che il tuo blog sia molto carino…. a presto

    @Cinzia: Grazie! tu ci riuscirai sicuramente…

    @Nene: Grazie a voi! e non preoccupatevi della catena… cucinate!!!

    @Ghirlanda di popcorn: grazie a te per aver ricambiato la visita! Buona giornata

    @Claudia: Grazie e benvenuta! piacere di conoscerti

  3. Ciao Marina, le tue ricette mi stupiscono sempre. Io sono una persona che bada molto all'estetica; detto così non suona proprio bene… però,particolarmente nella cucina, sono sempre attirata dalle presentazioni d'effetto e dalle idee originali. Ecco, trovo che anche questa ricetta corrisponda in pieno al mio gusto. A volte bisogna pensare in modo “alternativo” e tu ci riesci spessissimo. Io non avrei mai pensato di poter presentare una sacher in forma di gelato ricoperto. L'idea mi sembra un colpo di genio… copio-incollo nel mio cervellino e tirerò fuori quando mi servirà (una bella merenda all'aria aperta per bimbi ed adulti, che ne dici?).
    Grazie ed un bacio
    a presto

  4. P.s. con questa ricetta potresti partecipare al contest “tutto cioccolato”. Ora non ricordo l'indirizzo, ma se ti interessa io partecipo ed ho il bannerino esposto. Un bacio

  5. Cara Fausta, che tu avessi un'attenzione particolare all'estetica in cucina e non solo lo dice il fatto che come icona hai scelto la donna con più stile in assoluto… Audrey!
    Grazie per l'attenzione che mi dedichi, credo che su molte cose simili…
    Grazie! al contest ci penso…

  6. @Blueberry: Grazie sei gentile, approfitto per farti i complimenti per il tuo blog, una chicca, davvero! A presto

    @Erica: Ciao Erica, felice di rivederti! Grazie per i complimenti … adesso devi provarci anche tu!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.