Vite – San Patrignano

Ripartire. E’ questo il verbo usato nei comunicati stampa diffusi dalla comunità di San Patrignano. Il ristorante Vite riparte con grande entusiasmo. Dopo una breve chiusura per ristrutturazione (del locale e anche “interna”) ecco che si può ricominciare. Che poi è la filosofia della comunità da sempre. Ridare una possibilità, ricominciare.

E così dal 16 marzo Vite ha riaperto al pubblico con alcune interessanti novità: un menù ancora più legato a stretto giro con i prodotti della comunità e prezzi equilibrati, più vicini alla realtà che accoglie questo progetto. Il ristorante Vite si toglie un po’ l’allure di luogo elitario per vestire un abito più comodo ma assolutamente di gran gusto.

Personalmente ho avuto il piacere, subito dopo la conferenza stampa, di assaggiare alcuni dei piatti che sono nel menù e di tirare un sospiro di sollievo che in parte avevo già fatto vedendo lo chef Fabio Rossi ancora della partita. I grandi classici di Vite ci sono tutti: “risotto Vite”, “la mora sulla scala”, “il lepriglio”… non sono rimasta orfana ;) A questi si aggiungono preparazioni che vedono protagonisti i prodotti della filiera di SanPa: pecorini, ricotte, la carne di Chianina, gli ortaggi e naturalmente i vini.

Tra cucina e sala la brigata diretta da Rossi sarà composta da una ventina di ragazzi della comunità, freschi di studi culinari con maestri come Vincenzo Camerucci e Giuliano Pediconi. Vi lascio con alcune foto… giusto per farvi venir voglia di fare un giro da queste parti… Buon lunedì!

 

 

 

 

 

You May Also Like

Osteria Povero Diavolo – Poggio Torriana (Rn)

Una cartolina dalla Grecia

I biscotti di Ciolini, da Prato con dolcezza

Pret a manger – dove si mangia a Parigi

15 thoughts on “Vite – San Patrignano”

  1. E chissà che uno di questi week end non faccia un saltino anche io così con l' occasione potremmo incontrarci di nuovo…Grazie per aver condiviso queste immagini ed averci informato dell' evento!! Un bacione e buona settimana!!

  2. Marina le tue qualità mi sorprendono ogni volta. Nei tuoi post l'alibi della buona cucina ci rivela il lato più intenso di te, di una persona curiosa, intelligente, alla continua ricerca di belle emozioni. Un bacio tesoro.

  3. Ti odio. Anche io volevo venireee :'(
    lo so, non mi chiami perchè faccio delle foto urende e schifose, ma UDISCI UDISCI ora mi arriva una nikon d3100, poi vedrai.
    p.s. oggi ho fatto la pavlova seguendo la tua ricetta delle meringhe.
    Delisscciius :)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.