Quadrucci di farro con fagiolina del Trasimeno

quadrucci-di-farro-e-fagiolina-del-trasimeno

Sono alla terza ricetta salata consecutiva… roba da non credere, per questo blog è un record ;)
A onor del vero c’è da dire che mi è presa di nuovo la fissa della pasta stesa a mano, con il mio amato matterello. Una mia grande passione nonché indiscusso antistress, sto producendo (ho prodotto) un po’ di tutto tornando a esercitarmi per realizzare la tagliatella perfetta come facevo sei anni fa, prima ancora di aprire questo spazio.

Questa volta con la sfoglia ci ho fatto i quadrucci da brodo, da mettere nella zuppa di legumi, l’essenza dell’autunno in pochissimi ingredienti. Se poi il legume è la profumata Fagiolina del Trasimeno non si sbaglia. Coltivata nella zona di Perugia nei terreni intorno al lago, la produzione è stata recuperata grazie all’azione di Slow Food che nel 2000 ha creato il Presidio.

La Fagiolina del Trasimeno ha un sapore “burroso” e un gusto intenso,  ecco perché ho deciso di lasciarla come unico ingrediente, senza nessun’altra aggiunta di altri legumi o cereali. Un po’ di quadrucci un buon soffritto e il gioco è fatto. Anzi no, manca un giro di olio saporito che è un po’ come un fiocco su di un bel regalo, il tocco finale. Direi che se avete della Fagiolina a disposizione potete programmare tranquillamente la cena di stasera, e non preoccupatevi se la pasta non la fate voi, andranno benissimo anche quelle del super, l’importante è che sia di conforto!

zuppa-fagiolina-e-farro

Quadrucci di farro con fagiolina del Trasimeno e olio extra vergine Zucchi “Terre di Bari”

Per 4 persone:
200 g di farina di farro
2 uova
200 g di fagiolina del Trasimeno secca
1 cipolla dorata
1 carota
1 costa di sedano
Olio extra vergine d’oliva ZucchiTerra di Bari
1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
2 steli di prezzemolo
Sale
Pepe nero

Su un tagliere da cucina fate una fontana con la farina, rompete al centro le uova e cominciate a mescolarli aiutandovi con una forchetta. Quando la farina e le uova cominceranno a formare un composto legato impastate a mano per una decina di minuti fino a quando la pasta non risulterà liscia e uniforme. Avvolgere l’impasto nella pellicola e lasciare riposare per mezz’ora.
Trascorso il tempo tirate la pasta ad uno spessore mediamente sottile, arrotolatela e con un coltello tagliate prime la pasta come fossero tagliatelle e poi ricavatene dei quadrucci.
Mettete a bagno la fagiolina in acqua fredda per tre ore. Scolatela e sciacquatela sotto l’acqua corrente e mettetela in una pentola con un litro d’acqua fredda . Calcolate 45 minuti di cottura a partire dal bollore. Spegnete e tenete da parte.
Mondate la cipolla, la carota e il sedano e tritateli finemente. In un tegame dai bordi alti scaldate 3 cucchiai di olio e fate rosolare il trito di verdure fino a quando non diventeranno morbide. Aggiungete il concentrato di pomodoro e unite la fagiolina prelevandola dal liquido di cottura con una schiumarola.
Aggiungete 800 ml di acqua bollente salata e riportate tutto a bollore. Lasciate cuocere a fuoco basso per 15-20 minuti (nel caso il brodo si riduca molto, prelevate qualche mestolo di liquido di cottura della Fagiolina). Trascorso il tempo di cottura unite la pasta e portate a cottura.
Servite nei piatti con una spolverata di pepe nero e un giro di olio abbondante di olio.

You May Also Like

Minestra con gli stridoli

strozzapreti stridoli guanciale

Strozzapreti con stridoli e guanciale

Zuppa al latte di cocco e lenticchie

Minestra di pane umbra

6 thoughts on “Quadrucci di farro con fagiolina del Trasimeno”

  1. Buon Giorno sfogliatrice! :) quanto mi da gusto anche a me tirare la pasta! non vedo l’ora di poterlo fare di nuovo.. io ehm.. non sono molto brava, ma me la cavicchio, perché diciamo che la forma lascia un po’ a desiderare e più che tonda assomiglia ad un ovale.. sta fagiolina che è “burrosa” già mi sta simpatica, da quando ho di nuovo ripreso in mano il vero piacere, il burro lo metterei ovunque …. e poi i quadrucci…quanto mi fanno nonna Gina i quadrucci in brodo….che roba buona Mari.. calda per sto autunno uggioso….grazie… sai che ho fatto visita al sito “zucchi”? che vedevo sempre ‘sti olietti da te.. al conad a Mercatale ci sta solo quello ai semi di lino.. :( tristessa.. tu quelli aromatici al limone e arancia li usi anche nei dolcettiii uuuuuuhhhhhhhhhh.. devo ribiscottare ! hihihii….. ;)
    Manu-migliomelomagno!

    1. Sai Manu, anche io non è che faccio proprio una sfoglia perfettamente tonda, anzi. Anche le mie tendono sempre verso l’ovale :)
      Per l’olio quando vieni da queste parti ti faccio sentire quello al limone che uso io. Ti piacerà, ne sono sicura!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.