Sangria bianca con pesca e menta

Sangria bianca

Con il caldo di questi giorni è decisamente impossibile pensare di cucinare qualcosa, qualsiasi cosa. I miei pranzi alternano cocomero a pesche e susine con qualche biscotto. Sicuramente non sono un esempio di alimentazione equilibrata ma che volete farci, quest’anno va così. E la sera?! Insalatone, di quelle con dentro un po’ di tutto cambiando la base ogni volta: farro, riso, fagiolini, insalata riccia. Si capisce che l’unica cosa che posso fare è mettere una pentola d’acqua a bollire, chiudere la porta per evitare di sentire il calore che sprigiona, tornare dopo 3 minuti e immergere la pasta o le verdure, attivare il timer e fuggire dalla stanza un’altra volta in attesa di sentire il trillo del pomodoro-timer.

Ma se la cucina langue non vuol dire che non mi possa impegnare prendendo ispirazione da un’ipotetica cena all’aperto, o da uno di quei picnic fra le vigne che quest’estate sembrano essere ovunque (che riescono a spegnere ogni mio desiderio di parteciparvi, troppi e tutti uguali… mamma mia la noia!).
Dopo il gazpacho andaluso resto in Spagna con un’altra proposta e preparo una sangria in versione bianca e con un solo tipo di frutta, la new entry di questa stagione nell’orto di famiglia: la pesca tabacchiera.

Una non-ricetta che potrebbe tornare utile se andate a cena da amici e avete il compito di portare da bere o se avete voglia di qualcosa di fresco da bervi sul terrazzo in attesa di cenare. L’importante è come sempre un vino di qualità e in questo caso un vino bianco secco, spumantizzato o no. Ho usato del Pagadebit di Romagna, una bottiglia che mi è stata regalata qualche giorno fa e che ha fatto una gran bella fine ;)

Sangria_bianca

Sangria bianca con pesca e menta

1 bottiglia di vino bianco fermo (io Pagadebit di Romagna)
1 pesca tabacchiera
10-12 foglie di menta
1 cucchiaino di zucchero integrale

In una caraffa con coperchio versate il vino, aggiungete le fettine di pesca tagliate sottili, le foglie di menta e il cucchiaino di zucchero. Mescolate con un cucchiaio e chiudete.
Lasciate riposare in frigorifero per 10 ore e servite con dei cubetti di ghiaccio.

You May Also Like

Latte di avena fatto in casa

Cioccolata calda al profumo di spezie (con latte di mandorle)

Succo d’uva speziato

Siena and Stars (con daiquiri)

5 thoughts on “Sangria bianca con pesca e menta”

  1. Mariiiiiiiiiiii! mi offri un cichettin? Quanto mi piace quella pesca!!!!
    Io in realtà ho sempre voglia di spadellare, poi madre frena i miei bollenti spiriti (tanto per rimanere in tema calura) e quindi mi freno, ma non posso fare a meno di accendere un pelo il forno la domenica per fare dolci vari per la colazione settimanale (la scorsa settimana ho fatto la tua torta di ciliegie al brandy e quella al cacao di poco tempo fa) …
    Io ho una zia spagnola e credo proprio andalusa, e, siccome la figlia insegna e balla flamenco, quando ci sta qualche occasione per festeggiare, via che ci scappa la sangria! mi toccherà farle vedere sta ricetta qua… ;)
    che dici?
    un besito… (si dirà così?)
    Manù

  2. Mari, me sa che la zia non è andalusa…. ehm ehm ehm… ho chiesto.. è della Valladolid.. en centra nient.. comunque la sangria la fa lo stess! :P
    Manù rincretinita…
    mi sa che è meglio se non accendo il forno ve?
    Baciiiiiiiii

    1. Dai che adesso un pochino ha rinfrescato e anche la sottoscritta medita di accendere il forno per qualcosa di dolce… Nel frattempo ci facciamo un cichettin! ;)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.