Torta Cyrano di Christophe Felder

Una torta al cioccolato che più cioccolato non si può, è così la torta Cyrano. La scorsa settimana, quando fuori pioveva senza fermarsi da ore mi è presa una incredibile voglia di torta al cioccolato. Al di là del blog, al di là della dieta che in teoria stavo facendo in vista della prova costume, ho iniziato a sfogliare vecchie riviste alla ricerca di questo dolce, visto e mai dimenticato, su un vecchio numero di Elle a table ad opera di Christophe Felder.
Mentre scrivo fuori ci sono 27 gradi e l’unica cosa di cui ho voglia è un gelato ma tant’è, questo è quello che è uscito dalla mia cucina la scorsa settimana; questa torta era così buona (anche se un po’ friabile) che l’ho immortalata in un paio di scatti con le peonie del giardino salvate dal nubifragio.

Conservate la ricetta per quei giorni di sconforto estremo, quando il cioccolato può più di qualsiasi antidepressivo perchè questa torta non vi deluderà. Se volete qualcosa di un pochino (sia chiaro, solo un pochino!) più leggero c’è sempre lei, la torta “tutto cioccolato” che è un grande classico anche quando si va a trovare gli amici.

E da adesso in poi prometto solo ricette estive e fresche con qualche incursione dolce, come sempre del resto!

Trota al cioccolato

Torta Cyrano

170 g di cioccolato 65%
150 g di burro
4 uova
20 g di zucchero semolato
180 g di zucchero a velo
65 g di farina di mandorle
80 g di farina 00
1 stecca di vaniglia

Accendete il forno a 200 °C.
Tagliate il burro a cubetti. Separate i tuorli dagli albumi, montate i bianchi a neve ferma aggiungendo lo zucchero semolato a metà del montaggio. Tenete da parte in luogo fresco o frigorifero.

Fate fondere il cioccolato a bagnomaria tagliandolo a pezzetti, una volta sciolto aggiungete il burro. Togliete dal fuoco e aggiungete i tuorli d’uovo, lo zucchero a velo, la polpa della stecca di vaniglia e la farina di mandorle. Per ultima, dopo aver amalgamato tutti gli ingredienti precedenti, unite la farina setacciata e poi gli albumi, poco alla volta.
Imburrate e infarinate lo stampo da budino fate cuocere per 10 minuti a 200 °C poi abbassate la temperatura a 180 °C per 40-45 minuti ma ricordate di fare la prova stecchino prima di sfornare la torta.

Fate raffreddare prima di servire.

You May Also Like

Torta con farina d’avena e cioccolato

orta Ladina di grano saraceno

Torta ladina di grano saraceno

Madeira Cake al cacao

Torta mandorle e limone senza grassi

5 thoughts on “Torta Cyrano di Christophe Felder”

  1. Amore… tu e la dieta.. te possino!
    Io sto a impazzì con la tua granola, la preparo ogni settimana per me e per le mie amiche del forno, alternando l’uvetta col cioccolato a pezzi (che per loro dieta e prova costume sono due cose lontane anni luce (beate loro, dico io!))….
    Già… e’ arrivata finalmente un po’ di calda fine primavera-inizio estate (anche se non parliamo troppo forte che non si sa mai qui), comunque io il forno mica lo spengo ehehehe… magari sposto le preparazioni ad orari non bollenti, ma non posso rinunciare al mio compagno fedele…(poi i gratinati se non si fanno con le verdure estive! si vabbè puoi gratinare anche fiocchi e cardi e broccoli, ma non è la stessa cosa del gatin di pomodori, melanzane e zucchine… NO!)… Puoi ovviamente notare come già il caldo mi dia alla testa, perchè sto a sparà una marea de cavolate, quindiiiiiiii… passo chiudo e inforno…
    ahahaha…
    Ciao mitica!
    un bacio grande
    Manù

    1. Manù, una vita che sto a dieta! ahahahah
      Questa cosa del cioccolato a pezzi mi intriga assai: ma lo metti dopo averla cotta in forno, vero? e quanto ne metti, stesso peso dell’uvetta? :)
      Il forno è mio amico anche in estate, ieri sera ho sfornato una torta salata super buonissima… il caldo non ci ferma baby!
      Un baciotto
      Mari

      1. buongiorno Mariii..
        Affermativo! lo metto una volta fredda .. e si, ho provato stesso peso dell’uvetta, ma secondo me anche se è un po’ di più non guasta.. tipo fino 80-100 g per me può andare…
        baci baci…..
        Manù

  2. Secondo me, per certe bontà, il forno non si deve mai spegnere, ehehehe ;)
    ….a casa mia è sempre in funzione!
    Non conoscevo questa torta dal nome insolito, però deve essere libidinosa…mmmm….
    Un abbraccio :)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.