Cento mani di questa terra

Lunedì 15 aprile ho avuto l’opportunità di partecipare a Cento mani di questa terra, evento curato dall’associazione emiliano romagnola Chef to Chef. Sono arrivata all’Antica Corte Pallavicina, a Polesine Parmense, grazie al Consorzio Strada dei Vini di Rimini ed ho potuto vivere un’esperienza culturale e gastronomica di qualità.

I migliori chef dell’Emilia Romagna tutti in un unico luogo si sono alternati nelle cucine offrendo la possibilità di assaggiare i loro piatti mentre, in una delle sale interne dell’Antica Corte blogger, chef, esperti in comunicazione, sommelier, giornalisti e produttori si sono confrontati per 9 tavole rotonde, per tutta la giornata. Nella Corte erano inoltre presenti una ventina di produttori dell’Emilia Romagna (e non solo) che, generosi e cordiali, si mettevano a disposizione degli ospiti per raccontare i loro prodotti.

Personalmente mi sono sentita come una bambina catapultata nel suo parco giochi preferito: la possibilità di assaggiare piatti deliziosi, di degustare vini di qualità, di vedere luoghi incredibili come le sale per la stagionatura dei culatelli, di fare una “verticale” di Parmigiano Reggiano e di continuare assaggiando i formaggi del mio affinatore del cuore… Mi fermo, l’entusiasmo si percepisce, vero?! Aggiungeteci il fatto che per otto ore era anche possibile ascoltare 50 menti che si alternavano confrontandosi e cercando il modo migliore per comunicare al mondo l’eccellenza di questi territori, le sue risorse, la qualità dei prodotti.

Tra le altre cose ho avuto il piacere di conoscere anche uno tra gli chef che ammiro da tempo. Vi ricordate le crostatine di mele Abbondanza, quelle che mi hanno permesso di vincere il contest Fiandino? La ricetta era sua, lui è Franco Aliberti, giovane genio della cucina che anche in questa occasione mi ha steso con un suo dessert: Mele a scarto zero… Io e la mia collega ne avremmo volute almeno una decina ciascuna :)

E poi ci sono volti amici, persone speciali che sanno trasmettere l’amore per il loro lavoro e che mettono a disposizione dei clienti le loro conoscenze. Parlo di Renato Brancaleoni, il mio guru in fatto di formaggi, l’affinatore di Roncofreddo :)

Solo un piccolo assaggio di ciò che è stato questa manifestazione, raccolta eppure densa di idee e di innovazione… Attendo trepidante i prossimi eventi di Chef to Chef :)

You May Also Like

Osteria Povero Diavolo – Poggio Torriana (Rn)

Una cartolina dalla Grecia

I biscotti di Ciolini, da Prato con dolcezza

Pret a manger – dove si mangia a Parigi

4 thoughts on “Cento mani di questa terra”

    1. Grazia Barbara!!! Mi è stata promessa la ricetta della crostatina con le mele… Per il resto ho solo mangiato a 4 palmenti :D Bonne soirée!!!

  1. Si tesoro, si sente tutto il tuo entusiasmo quando parli di qualcosa a cui tieni molto, sei convincente e concreta come sai esserlo solo tu, con gran garbo. Bel post.

  2. tu lo sai vero che adoro queste cose? e poi la verticale di Parmigiano, dev’essere stata una vera bontà. Ultimamente vado più per il salato, non so cosa mi è successo! (io, la dolce mania per eccellenza, che a fine pasto non cerca più la sua degna conclusione… che avrò visto Mari???). E comunque, la crostatina con le mele la aspetto perché penso che passerà da qui una volta che la ricetta sarà tua! :) un bacino e buon weekend! Sere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.